Malossi - Breve storia

Tre generazioni, due passaggi di testimone. Passione per le moto e passione per l’impresa sono le vocazioni della famiglia Malossi.

La nostra storia

Anni‘30

“Il successo non è tanto misurato dalla posizione che hai raggiunto nella vita, quanto dagli ostacoli che hai superato per ottenerlo”
Se c’è una frase che ben descrive la vita di Armando Malossi, fondatore nel 1930 della “Cicli e Moto Malossi”, è quella di Booker Washington.
Armando avvia la sua attività in una Bologna poverissima, in un paese fiaccato dalla guerra d’Africa prima e dalla Seconda Guerra Mondiale poi. Nonostante circolassero solo poche biciclette perché i mezzi a motore erano stati requisiti per uso bellico, l’attività di famiglia cresce e si sposta fuori Bologna, per sfuggire ai bombardamenti.

Anni 40 - Ugo Malossi

Anni ‘40

Il dopoguerra dà nuovo impulso all’azienda,che inizia ad occuparsi anche di motorini ausiliari per le biciclette oltre che di riparazione e restauro di motocicli.
Ugo Malossi, figlio primogenito di Armando, affianca il padre nella sua attività. Animato da un’unica passione – quella per le moto – Ugo inizia la costruzione integrale partendo dal telaio di una moto leggera da 75cc e di una 125cc

ANNI ‘50

Ugo fa pressioni sul padre Armando per l’acquisto della Mar, storica azienda di assistenza sui carburatori Dall’Orto introducendo anche una divisione di progettazione di motori a due e quattro tempi per ciclomotori, moto leggere e scooter. Ugo può iniziare a dedicarsi a ciò che ama maggiormente. Sarà questa attività a portarlo al successo.

ANNI ‘60

Il paese cresce, cambiano le abitudini. L’automobile diventa “l’oggetto del desiderio” di una intera nazione. Sono gli anni del boom economico.

Ugo intravede la possibilità di intercettare questo mercato ed inizia la produzione di carburatori per auto, per vetture racing e per uso industriale.

Tutto questo senza abbandonare l’antica passione per le moto. Sempre nel 1960 Ugo e Sergio Bassi, amico e storico collaboratore, preparano una moto Ducati per il pilota Cova, che arriverà secondo nella prestigiosa gara Bologna – San Luca.

Nel 1969 Sandro, fratello minore di Ugo, entra in azienda come responsabile commerciale e della rete informatica aziendale. Sarà l’inizio di un sodalizio felicissimo, che dura tutt’oggi

 

ANNI ’70

Gli affari sono fiorenti, gli ordini arrivano da tutto il mondo: c’è necessità di ingrandirsi, di assumere nuovo personale, di far crescere nuovi settori e nuove professionalità.

L’azienda si trasferisce a Calderara di Reno, lasciando solo una sede operativa nel centro di Bologna in via Zanardi.

E’ tempo di riconoscimenti! Nel 1977 La Malossi partecipa con un proprio stand ad EICMA – la fiera più prestigiosa del settore automotive.

Il vero punto di svolta dell’azienda stava per arrivare.

Marmitta, cilindro, testa e pistone: nasce nel 1978 il primo kit di trasformazione per Yamaha TY 50 cc enduro targato Malossi.

Il successo è fulminante: 9000 kit venduti nel primo anno! Sarà solo il primo di una lunghissima serie di kit di trasformazione per moltissime case produttrici e motorizzazioni.

 

ANNI ‘80

La realizzazione dei primi kit per ciclomotori automatici MBK e Peugeot porta Malossi ad affacciarsi al mondo racing. Questi scooter infatti sono i protagonisti di trofei monomarca molto seguiti, soprattutto in Francia.

Nasce così la divisione racing sotto la guida di Sandro: si disputano Trofei Malossi non solo in Italia ma anche in Grecia, Inghilterra, Spagna, Francia e Germania.

La produzione si arricchisce ulteriormente con i kit per Vespa 50 PX e T3: quello italiano diventa il primo mercato di riferimento per l’azienda.

Nel 1985 Andrea, figlio primogenito di Ugo, entra giovanissimo in azienda come collaudatore e responsabile dei test di controllo qualità. Anche per lui i motori sono una passione “bruciante”!

Nel 1988 Alessandra, secondogenita di Ugo, entra in azienda e diventa responsabile della commercializzazione dei prodotti.

Il suo entusiasmo ed il suo tocco femminile rendono i prodotti, già tecnicamente perfetti, ancora migliori sotto l’aspetto del packaging e dell’assistenza post vendita.

 

ANNI ‘90

Un sogno diventa realtà: nasce il ciclomotore 50cc MVR “il Malossi” interamente progettato e realizzato in azienda. L’azienda amplia il numero di case motoristiche con cui collaborare. L’azienda si apre ulteriormente al mondo.

ANNI 2000

L’ultimo (?) trasloco: l’azienda si trasferisce nell’attuale sede di via Roma a Calderara. 12.000 mq di stabilimento all’avanguardia, capace di ospitare le isole robotizzate per la produzione, l’enorme magazzino, le sale prova e i laboratori necessari per confermarsi punto di riferimento mondiale per la componentistica a due ruote.

2017: si festeggiano 60 anni di attività.

Solo la passione autentica del Sig. Ugo e di tutta la famiglia Malossi ha permesso di raggiungere un risultato così importante.

È stata una strada faticosa da percorrere agli inizi, ma poi grazie alla passione di tutte le persone che lungo il cammino hanno condiviso il sogno del Sig. Ugo, il progetto è diventato entusiasmante, è cresciuto vorticosamente ed ha avuto successo a livello mondiale.

Per il Sig. Ugo e per tutti i dipendenti è già ora di guardare al futuro.

Ricerca, innovazione, apertura a mercati sempre nuovi: sono queste le parole d’ordine per iniziare a costruire il successo futuro di questa azienda dal grande passato.